Ultime notizie

6
dic

Over the Cloud

Nel nostro Paese c’è ancora chi ritiene che il Cloud Computing sia meglio compreso solo dalle PMI, mentre all’estero sarebbe tutta un’altra storia. Certo da noi le grandi aziende stentano ancora ad apprezzare i vantaggi della cloud pubblica, così come la Pubblica Amministrazione è ancora ferma al palo nei suoi investimenti nella cloud.

Da quattro anni NEXTVALUE dedica uno specifico programma di ricerca all’adozione di servizi di Cloud Computing da parte delle imprese top del nostro Paese e le anticipazioni dei risultati dell’ultima survey conclusasi in questi giorni sono parecchio sorprendenti. Ad esempio, mentre solo un anno fa, sicurezza e privacy erano per il CIO un potenziale deterrente contro la cloud, oggi solo il 52% di loro continua a ritenerle un ostacolo. Di fatto anche l’Information Security Management può giovarsi di servizi SaaS. Molto più importante, ce lo ricordano oltre il 67% dei CIO che hanno partecipato al nostro panel, diviene l’integrazione di quanto proposto dalla Cloud con l’IT esistente. Il fatto è che con il tempo molti dei problemi che scoraggiavano le grandi aziende vengono sempre più risolti dai provider: la sicurezza in primis, la gestione ed il controllo dei dati, la flessibilità dei loro contratti.

Molti dei CIO da noi intervistati si sentono già over the cloud, tanto che alcuni si spingono a dichiarare che la vera Cloud sarà solo quella Pubblica, che, anche nel mondo enterprise, si fa largo in modo veloce e silenzioso.

Altri fatti importanti emergono da chi ha già fatto cloud, non per questioni di risparmio ma, soprattutto, per ragioni di flessibilità operativa; del resto gli attuali contratti non sembrano offrire particolari vantaggi di prezzo ed il ROI deriva dalla scalabilità e dalle flessibilità offerte dai servizi di Cloud Computing nell’affrontare i processi di business. D’altro canto chi offre risorse e competenze di cloud ha soprattutto come destinatario la grande imprese, sintomo che quelle over the cloud  andranno ancor più crescendo nel corso dei prossimi anni.

Leave a Reply