Ultime notizie

28
ott

COMUNICATO STAMPA: L’ASSINTEL REPORT+ E’ ORA ONLINE

Presentato l’ASSINTEL REPORT+
10.904 sono i progetti di Digital Enabler, Acceleratori e Servizi IT-enabled, 48% quelli con priorita’ medio alta,
5,2 il numero di iniziative IT che entrano nella roadmap digitale di 1.000 imprese in Italia.
Per la prima volta in Italia, la ricerca NEXTVALUE fa emergere in numero e qualita’ i progetti d’Innovazione e gli investimenti delle imprese del panel 2016, nella prospettiva dei prossimi 12 mesi.

Milano, 28 ottobre 2016. Presentato a Milano e Roma l’ASSINTEL REPORT+, la piattaforma digitale dell’IT in Italia, con i dati ed i trend del Mercato e della Domanda IT in Italia, disponibile su web e app.
Il mercato IT in Italia cresce del +3,1% grazie all’impatto dei Digital Enabler sui processi di digitalizzazione delle imprese. 1000 Chief Information Officer e Responsabili di Information Technology intervistati da NEXTVALUE, per la redazione dell’ASSINTEL REPORT+, sono impegnati in una roadmap di Trasformazione Digitale destinata a creare valore per il business, attraverso 10.904 progetti di Digital Enabler e Acceleratori, 48% dei quali con priorita’ medio-alta, e una media di 5,2 iniziative IT nella prospettiva dei prossimi 12 mesi.
Digital Enabler, ovvero le iniziative di Cloud Computing, Mobile Enterprise, Cybersecurity, Big Data e Advanced Analytics, IoT, Software Defined Datacenter e Customer Journey; gli Innovation Accelerator, ovvero i progetti di Robotics, Additive Manufacturing e 3D Printing, Augmented Reality, Gamification e Blockchain; i Servizi IT-enabled, come System Availability, Resilience e Legacy Modernization.

”La survey ci da’ riscontro di come vengono declinate le tecnologie digitali in oltre 10.900 progetti a supporto del business. Per questo, oltre che essere unica nel suo genere, ci permette di andare in profondita’ sul momentum che l’IT vive in azienda e di scoprire quanto sia importante per Responsabili IT e Provider giostrare su piu’ enabler e acceleratori e rapportarsi con sistemi complessi di relazioni – dichiara Alfredo Gatti, Managing Partner di NEXTVALUE – Anche per noi sono indicazioni importanti e NEXTVALUE imperniera’ su di esse l’intero programma 2017”.

La survey sulla Domanda IT e’ stata condotta da NEXTVALUE nei mesi di Giugno e Luglio 2016 e per la prima volta ha interessato un panel di 1000 Decisori di Imprese Top, Medie, Medio Piccole, e Piccole in Italia, quasi equamente distribuite in 509 imprese Top e Medio Grandi e 491 imprese Medie, Medio Piccole e Piccole. Dall’ analisi e’ esclusa la Pubblica Amministrazione Centrale e il cluster delle Micro imprese con fatturato minore di 2 milioni di Euro e meno di 10 dipendenti.

Alcune priorita’ dell’IT rimangono invariate rispetto al 2015 – agilita’ (50%), semplificazione e standardizzazione (49%), allineamento dell’ IT al Business (45%) – ma crescono, nella prospettiva 2017 gli elementi legati all’Innovazione strategica dell’impresa attraverso l’uso della tecnologia.
Tra i progetti prioritari, gli investimenti d’ Innovazione sono Customer Journey (36%), Big Data e Advanced Analytics (31%), Cloud Computing (26%), Mobile Enterprize (26%) e Internet of Things (24%).

Nuove revenue stream connesse alla Trasformazione Digitale e all’Internet of Things mostrano il piu’ alto tasso di crescita a 12 mesi. All’interno dei primi sei progetti d’ Innovazione entra a pieno titolo l’Internet of Things, a conferma della graduale ascesa dell’ IoT e a tendere dell’intelligenza artificiale nell’ambito di progetti pilota in differenti Funzioni aziendali.

La sicurezza delle informazioni e’ una priorità per il 38% del panel, rappresenta il 5% del Budget IT Complessivo e il 19% della quota totale dell’ IT in Cloud Computing e’ destinata a proteggere dati, applicazioni e infrastrutture nella ”nuvola”, dall’encryption al recovery dei dati.
L’80% della Spesa IT totale delle organizzazioni, comprendente Hardware, Software e Servizi, e’ sotto il controllo diretto del Responsabile IT o sotto il controllo della Funzione IT, ma un quinto del Budget destinato alla tecnologia dell’intera organizzazione, non e’ di diretta competenza del dipartimento preposto alla sua gestione ed implementazione. La portata del Budget destinato all’IT e all’Innovazione Tecnologica e’ quindi superiore al Budget dichiarato dalla Funzione IT.

Dall’ analisi condotta da NEXTVALUE emerge un quadro in cui vi sono due differenti tipologie di Direttori dei Sistemi Informativi, la prima più vicina ad una Figura Executive, partecipe di attività strategiche all’interno della propria struttura organizzativa, la seconda con ruoli operativi e tipicamente rappresentativi di una funzione di Staff che fornisce un servizio sia pur fondamentale ma comunque ancillare al business core in senso stretto.

La combinazione tra effetti recessivi nell’ IT esistente e investimenti in Innovazione produce un risultato positivo, ovvero un significativo incremento della Spesa IT complessiva nel mercato italiano rispetto all’anno scorso che si attesta a fine 2016 a 25.474 milioni di Euro, con una crescita del +3,1% rispetto al 2015.
Anche se l’economia italiana rimane ancorata ad una profonda situazione di stagnazione non risolvibile in tempi brevi e sebbene sembri aggravarsi il rischio-Paese connesso alla fragilita’ del sistema bancario e a fattori come Brexit, cosi’ come al permanere di embarghi verso alcuni mercati di sbocco delle nostre imprese, sia i consumi sia gli investimenti stanno lentamente riposizionandosi in terreno positivo, almeno due sono i fattori
che determinano un’inversione di tendenza per l’ IT: la ripresa, sia pure molto timida della Spesa Consumer e l’impatto che i Digital Enabler hanno sui processi di digitalizzazione delle imprese.

Se nel primo caso, la Spesa IT Consumer e’ una conseguenza diretta del diffondersi di un digital lifestyle anche nel nostro Paese, nel secondo, la Spesa IT nel business e’ direttamente connessa all’impatto che la Trasformazione Digitale determina nelle imprese e nelle organizzazioni, con la conseguente rivitalizzazione dell’ IT in chiave strategica e di Innovazione dei modelli di business, oltre che in chiave di miglioramento di produttivita’ e flessibilita’. I Digital Enabler valgono 7,4 miliardi di Euro e mostrano un tasso di crescita del +16% rispetto al 2015.

ASSINTEL REPORT+, la piattaforma digitale dell’ IT in Italia e’ un progetto ideato e realizzato da NEXTVALUE. E’ disponibile su www.assintelreport.it, da App iOS e Android, free downloadable e permette di far vivere 365 giorni l’anno il Report come osservatorio permanente del mercato e dei suoi trend.
Per maggiori informazioni: v.muti@nextvalue.it